Puheriu
 
Visitatore N°

      Libro degli ospiti        Pallagorio Chat           Pallagorio Forum          Barzellette         Scrivimi                                                        

Indietro Home Pallagorio Pallagorio Calcio Madonna del Carmine Vino nel Borgo Musica Popolare Pesca & Utility Artisti Pallagoresi Poesie Barzellette Libro degli Ospiti Scrivimi Eventi a Campi Bisenzio Usanze Forum Chat
La favola di due antichi proverbi Non molto tempo fa viveva a Pallagorio Giovarmi ,un contadino che possedeva un asino particolare  vigoroso e di stazza pari a quella di un mulo era, però, molto bizzarro, idisciplinato ed alquanto allergico alle fatiche della campagna. In più, era asino tra gli asini. Difatti, dovendo scegliere tra sentieri che si incrociavano, finiva sempre, con grande disappunto del padrone, con l'avventurarsi su quello più dissestato e pericoloso. Come è facilmente prevedibile, il nostro contadino, il quale non era certamente privo di saggezza, alla prima fiera della "Ronza", vendette il somaro ad un suo collega di nome Antonio che, ingannato dalle belle sembianze dell'animale, accettò senza troppo discutere, di pagare la somma richiesta. Con il ricavato della vendita, Giovanni riuscì ad acquistare non uno ma bensì due asini, meno appariscenti del primo, ma molto utili nello svolgimento delle varie attività agro-pastorali. I due contadini si rividero dopo un anno e precisamente, alla riapertura della fiera. Quello pallagorese,che aveva conservato un buon ricordo dell'altro, per via del buon affare con lui concluso, dopo averlo calorosamente salutato, gli chiese come mai non avesse con sé l'asino che gli aveva venduto."Purtroppo, a furia di picchiarlo, l'ho ammazzato di botte nel tentativo di modificargli non solo il carattere ma anche il comportamento", fu la risposta piuttosto dimessa di Antonio .Di rimbalzo, Giovanni,accarezzando i due asini che aveva a fianco,gli confidò che anche lui era stato più volte tentato di fare la stessa cosa, ma che alla fine,aveva sempre accanto­nato l'idea nella convinzione che un asino bizzarro, sfaticato, vivo e, in ogni caso, da preferire ad un asino "virtuoso" ma morto.
  "Meglio un asino vivo che un dottore morto"
   "A petra quatrato nu pò morire tunda"
    Pallagorio lì 10/08/2002
Estate 2000 : Nonno Antonio porta a passeggio,tenendola in braccio, la sua nipotina Lillj . Cammina lentamente ma con passo sicuro, armonico e regolare.
Estate 2002 : Lillj gioca a nascondiglio con il proprio gatto nel giardino di casa sua correndo con l'agilità e l'eleganza di un capriola. Il nonno osserva ed ammira la bambina appoggiato sulla ringhiera del balcone: in due anni ha accumulato tanti di quegli acciacchi che non può più muoversi senza l'ausilio di un bastone o di una spalla amica.
Pallagorio lì 10/08/2002
Favola    Un pastore di nome Giovanni, in uno dei tanti spostamenti da un pascolo all'altro,smam tré pecorelle. Essendo le migliori di tutto il gregge, la loro perdita lo amareggiò non poco. Nei giorni successivi, gli amici ,ed in particolare un suo compare,si divertivano a sfotterlo Consigliandogli di cambiare mestiere. Giovanni ,di ìndole mite e taciturno, subiva senza scomparsi più di tanto l'ironia dei compagni. Alla vigilia della festà patronale, poiché i suoi detrattori non la smettevano di criticarlo e di dargli dello sprovveduto per quanto gli era accaduto,egli .con estrema pacatezza si rivolse loro dicendo: è vero sono uno sciocco altrimenti non avrei perso le mie pecore preferite. Poi, però,con aria severa aggiunse : domani mattina il gallo,come sempre annuncerà il nuovo giorno. Io, al risveglio sarò ancora pastore ma con una preoccupazione in più:che le pecore smarrite ,anziché nelle mani di un altro pastore come me,possano ritrovarsi in quelle di un macellaio maldestro e senza scrupoli.
Pallagorio lì 10/08/2002
Giovanni Mazza  - Compositore e Poeta
Inno all'integrazione.mp3
Inno all’immigrazione  Scritta dal Prof. Giovanni Mazza che qualche anno fà collaborò col cugino Francesco Mazza a realizzare il CD -MOTISHKON-
Inno all'integrazione è cantata da Rino Dimopoli dei DELIRIUM del nostro compaesano, che tutti conosciamo, Gaetano Parise che vanta collaborazioni con Bigazzi e Alessandro Baldi per il quale ha scritto il pezzo "Sarajevo"
Anche la produzione di questo disco è di un Pallagorese  "Ernesto Ausilio" che vive a Torino.

Nel Luglio del 1997 ha scritto la canzone U PENXARI NTERI TIJ (Partecipante al festival della canzone Arbereshè)

Nella primavera del 1998 ha scritto la canzone ISHE E BUKURE’ l  

CLICCA SUL TITOLO DELLA CANZONE PER LEGGERE IL TESTO

Clicca sulla nota per ascoltare la canzone